Letras · Uncategorized

¡AY QUE GUSTO Y QUE PLACER!

Letra de Anónimo
Musica de Anónimo

(Del libro La historia del tango, primera epoca, Roberto Selles,
pagina 199 – Edición 1999 – Editorial Corregidor)

¡Ay, que gusto y qué placer!
¡Qué cosa rara!
El querer a una mujer
que sea casada.

Letras · Uncategorized

¡AMOR!

¡AMOR!
Letra de Ricardo Luis Brugnolo
Musica de Ricardo Luis Brugnolo

I

Tu no fuistes como aquellas
Que el lujo y el egoismo
Las empujó hacia el abismo
Donde cae la vanidad;
Tú nunca fuiste coqueta
Nadie a ti te condena
Porque siempre fuiste Buena
Llena de amor y lealtad!

II

Y aunque sola vas vagando por el mundo
Y aunque muchos por milonga te tendrán!…
Tú, bien sabes, que tu amor es muy profundo
Que con ficticias riquezas, jamás lo conseguirán!
Sola y triste… aguardas silenciosa
Como linda mariposa, posada en una flor…
No te doblegues nunca; déjalo aquel que corra…
Que no ha de tardar mucho; en volver hacia tu amor!

III

Y así demonstrarás con ello
Que no eres vanidosa y que sabes amar!…
Que tu amor es un radiante destello!…
Que el lujo y todo aquello…
Nunca lo han de conquistar…

Letras · Uncategorized

¡ADIOS QUERIDA! (VALS)

¡ADIOS QUERIDA! (VALS)
Letra de Carmelo Volpe
Musica de Horacio A. Salgan
Compuesto en 1941

Ediciones Musicales GEP

La tarde es gris
hoy quiero soñar.
-Quien fue feliz
sabe recordar…-
Me traen las brisas
perfume de su aliento:
canción los vientos
que dicen:”No te olvida”

Volver a ser
aquel soñador
Todo mi ser
vibra de emoción
Dice la vida:
lo que se fue no vuelve!…
Canta el ensueño
que ha de volver.

Qué triste ver
la ilusión partir
parece ser
que “algo” va a morir…
Todo es mas triste
en el alma que llora:
el sol no existe,
no existen las auroras.

Volver a ser
aquel soñador!
Todo mi ser
vibra de dolor!
Dice la vida:
lo qáse fué no vuelve!…
Mi alma vencida
llora su ¡adiós!

Una noche
romántica y loca
en apretado broche
sellamos nuestras bocas.
El rubor su blanca faz pintaba…
El amor, ebrio de luz, soñaba
más puro, más bueno,
más casto y sereno,
sin sospechar el alma
que no es eterno nada…
que el amor suele llegar fugaz
para después, fatal, volar…

Letras · Uncategorized

!AY, ELENA¡

!AY, ELENA¡
Letra de José Razzano
Musica de Carlos Gardel
Compuesto en 1919

Vals

Matriz 56
18017 A

Se encuentran acá una repetición de número de las matrices con la
numeración que traían las grabaciones realizadas en 1917.  El
acompañamiento en las guitarras fue de José “el negro” Ricardo y José
Razzano.

Tema: Otro especie de serenata horaciana.

Altosa un día por entre los rosales
Hermoso cerro de Santa Lucía
Hay un jilguero
picando una flor
al abrir el día
lo vimos los dos.
!Ay Elena del alma, por Dios te lo pido
me des, una rosa,
me des un clavel¡
El pájaro canta,
el ave sonríe;
y el árbol se mece con suave armonía,
ese hermoso árbol
tupido de aroma;
el pájaro canta;
se asoma la aurora.
!Ay Elena del alma, por Dios te lo pido
me des, una rosa,
me des un clavel¡
Las flores más lindas
del jardín florido
que adejeré
nacieron en tiempos felices.
Por fin el destino
vino a deshojar
las hermosas flores
de un bello jardín.
!Ay Elena del alma por Dios te lo pido
me des  una rosa
me des un clavel¡
!Ay Elena del alma por Dios te lo pido
me des  una rosa
me des un clavel¡

Nota:  Figura en este vals de Gardel y Razzano una palabra que si no
es un problema de mi oído es “adejeré”, como si existiera un verbo
“adejar” pero no lo encuetro en ninguno de mis diccionarios.

Letras · Uncategorized

!AY AURORA¡ (VALS)

!AY AURORA¡ (VALS)
Letra de Alfredo Le Pera
Musica de Carlos Gardel
Compuesto en 1919

Vals

Matriz 55 18016

!Ay Aurora¡, me has echado al abandono.
Lo, que tanto y que tanto te he querido
!Ay Aurora¡, me has echado al abandono.
Lo, que tanto y  tanto te he querido
y tu negra traición me echó el olvido
!ay Aurora¡ si te amo todavía.
Mas yo no puedo castigarla como debo esa falsía
!castígala, Señor con toda tu energía¡
que sufra mucho pero que nunca muera
!ay Aurora¡ si te amo todavía.
Mas no pretendas recuperar el trono,
que tenías en mi pecho y lo has perdido
Más no pretendas recuperar el trono
que tenías en mi pecho y lo has  perdido
hasta el fondo del alma me has herido
y del fondo del alma te perdono.
Mas yo no puedo castigarla como debo esa falsía
castígala, Señor, con toda tu energía;
que sufra mucho, pero que nunca muera
!ay Aurora¡ si te amo todavía.
Mas yo no puedo castigarla como debo esa falsía
castígala, Señor, con toda tu energía
que sufra mucho, pero que nunca muera.
!ay Aurora¡ si te amo todavía.

Uncategorized

Cucina argentina: Asado

Asado

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Asado con achuras

L’asado (arrosto) è un piatto tipico argentino fatto con carne di manzo cotta alla brace.

Per la preparazione può essere adoperato il taglio reale da brodo, che una volta cotto alla griglia risulta molto saporito.

Tipici dell’asado sono inoltre le interiora (entrañas o achuras), le salsicce chiamate chorizos e le salsiccie di sangue dette morcillas.

Condimento dell’asado è il chimichurri (pron. it.: “cimiciurri”), miscela di spezie fresche con olio, aceto e limone che si applica a fine cottura.

In generale l’asado sudamericano è l’equivalente della nostra grigliata mista che può essere accompagnato da verdure e salse.

Per risaltarne il sapore e la consistenza, la carne deve essere cotta lentamente, anche per ore: per questo motivo l’Asado può essere considerato anche come una maniera di familiarizzare, un rito sociale.

Uncategorized

Cucina argentina: Dulce de Leche

Dulce de leche

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Un vasetto di dulce de leche

Il Dulce de leche (‘dulse ðe ‘letʃe) in Spagnolo o doce de leite in Portoghese, è un dessert a base di latte. È un dolce tipico argentino, paraguayano e uruguayano ed è molto popolare in gran parte del Sud America. Viene preparato facendo cuocere a lungo il latte e lo zucchero fino a ottenere una crema, e il suo sapore è molto simile a quello delle caramelle al mou.

Il nome tradotto alla lettera significa “dolce di latte”. Il dolce francese confiture de lait è molto simile alla variante spalmabile del dulce de leche. Ne esistono versioni più o meno simili in Messico (la cajeta), in Perù (il manjarblanco), in Cile (il manjar), e in Guatemala, Colombia e Venezuela (l’arequipe).

Nonostante sia di facile preparazione casalinga, in molti paesi sudamericani il dulce de leche si trova anche in commercio già pronto da mangiare. Per la commercializzazione del dulce de leche, il Código Alimentario Argentino, ovvero l’insieme di leggi che regolano l’industria alimentare in Argentina, prevede che ci si attenga a caratteristiche di qualità e preparazione stabilite da rigide norme igieniche

Origini

Ci sono diverse versioni storiche sulla nascita del dulce de leche. La più famosa riguarda il caudillo argentino Juan Manuel de Rosas del XIX Secolo. La storia narra che in un pomeriggio d’inverno, a casa di de Rosas, la domestica stava preparando della lechada (una bevanda a base di latte e zucchero fatta bollire fino a caramellarsi) quando sentì bussare alla porta. Lasciò la lechada sul fornello e andò ad aprire; quando tornò in cucina, la lechada si era cotta fino a trasformarsi in una crema marrone: il dulce de leche.

Potrebbe anche essere nato in Europa, forse come la confiture de lait francese: una leggenda popolare molto simile e risalente al XIV secolo viene tramandata nella regione della Normandia, e narra del cuoco di una guarnigione militare che ebbe lo stesso incidente mentre preparava del latte zuccherato per colazione.

Preparazione e utilizzi

Muffin guarniti con il dulce de leche.

La ricetta base prevede una lunga bollitura di latte e zucchero, ma ingredienti aggiuntivi sono previsti per varianti regionali. La cottura può andare da un minimo di mezz’ora a un massimo di due ore, e necessita di continua mescolatura. Il dulce de leche può essere preparato anche bollendo a lungo del latte condensato dolcificato. Anche se il processo di trasformazione durante la cottura viene definito come caramellizzazione, in verità corrisponde a una reazione di Maillard, una reazione chimica che è responsabile di gran parte dei sapori dei cibi cotti. Normalmente il volume del dulce de leche pronto equivale a un sesto del volume degli ingredienti originari.

Il dulce de leche è usato per guarnire molti dolciumi, come torte, biscotti o gelati. Viene consumato anche al cucchiaio o spalmato su pane fresco o tostato. La confiture de lait francese viene generalmente servita con fromage blanc.
il modo più veloce per prepararlo è quello della pentola a pressione: occorre un barattolino di latte condensato, inserirlo chiuso nella pentola ,riempire con acqua fino ad almeno 4 dita sopra il barattolo. dal fischio calcolare 25 minuti, far fuoriscire il vapore, lasciare raffreddare l’acqua, aprire il barattolo ed invasare il contenuto in un nuovo barattolo di vetro sterelizzato.

Uncategorized

Passi di tango contro il sig. Parkinson

Tango e parkinson, sm, ictus

Il corso di tango per persone con disabilità di origine neurologica (parkinson, sclerosi multipla, esiti ictus e altro) si inserisce fra le attività fisiche adattate (AFA).
Le attività fisiche adattate non sono terapie riabilitative, ovvero non hanno l’obiettivo di modificare una menomazione conseguente alla malattia ma possono rallentarne l’evoluzione e limitare le conseguenze secondarie da immobilità collegate. Si tratta quindi di attività di prevenzione, indicate fin dall’esordio della malattia.
L’osservazione dei nostri allievi disabili sta confermando, in linea con quanto riportato in letteratura, gli effetti benefici su equilibrio e postura oltre ad un incremento medio del profilo di attività fisica individuale con conseguente azione di prevenzione anche sulle più comuni patologie cardiovascolari e metaboliche.
Il nostro obiettivo è l’inclusione delle persone disabili nel meraviglioso ambiente del tango partendo da un progetto di integrazione nel percorso formativo all’interno dell’Accademia Fattiditango.

IL PROGETTO

Si tratta di un modello di lavoro multidisciplinare che ha coinvolto anche il maestro di tango Giuseppe Scarparo.
Sono la prima a credere nella necessità di una buona organizzazione per la realizzazione di un progetto, ma sono sempre i singoli professionisti a fare la differenza di qualità, attraverso la capacità di lavorare in team, condividendo le proprie competenze con gli altri.
Il maestro Scarparo nella sua attività di insegnamento, ha da sempre dimostrato una particolare capacità e attenzione nel trasmettere il suo insegnamento anche agli allievi meno dotati, delineando per ciascuno di loro un percorso di apprendimento individuale per tempi e obiettivi.
La cura della postura e le linee di movimento proposte nell’insegnamento della tecnica base del metodo Fattiditango del maestro Scarparo sono state valutate e ritenute adatte alle persone con disabilità lieve-moderata, previa valutazione clinico-funzionale con test validati.
La prima fase del progetto ha previsto un corso di 6 mesi su 12 persone con disabilità di origine neurologica e partner da loro scelti; il corso si è svolto con la supervisione e consulenza di un medico fisiatra e un fisioterapista.
Il corso ha consentito di definire le modalità di insegnamento del tango argentino, e sono stati raggiunti gli obiettivi funzionali previsti, oltre che di partecipazione e gradimento da parte degli allievi.
Il metodo Fattiditango sviluppa le peculiarità tecniche del tango argentino tradizionale che risultano le più adatte per essere proposte alle persone con malattie neurologiche. In particolare l’improvvisazione basata sulla interpretazione della musica, che richiede un continuo adeguamento del movimento con rottura degli schemi patologici di movimento.
Il maestro Giuseppe Scarparo ha dimostrato di avere le competenze professionali necessarie ed è stato riconosciuto come professionista segnalato dalla ULSS 9 per la conduzione di corsi di tango argentino per persone con disabilità di origine neurologica nell’ambito delle iniziative di attività fisica adattata.
Personalmente ritengo che il passaggio all’insegnamento di persone con disabilità neurologiche abbia rappresentato una delle più alte espressioni della professionalità del maestro Scarparo.

Sara Regazzo
Medico Fisiatra
Dipartimento di Riabilitazione
Ospedale- Territorio- ULSS 9 Treviso